Navigazione

Migros. M per il Meglio.

Farina Bóna

La farina bóna si distingue per il suo gusto unico e l’assenza di glutine.

Una farina piena di sorprese

La farina di mais tostato è una tradizione dell’Onsernone, dove aveva due nomi per lo stesso prodotto: farina bóna (prevalentemente a Loco) e farina sec’a (a Vergeletto). Ilario Garbani-Marcantini, tra gli artefici del suo recupero, ci racconta che era un alimento quotidiano, consumato quasi sempre con latte, burro o sale. Come il suo utilizzo, anche la preparazione è semplice: si ottiene macinando molto finemente i grani di mais (granoturco) precedentemente tostati. Ma per ottenere un prodotto di qualità erano necessarie tecniche e conoscenze, recuperate grazie a molte ricerche e tanti tentativi. Oggi la farina bóna, o farina séca, ha ritrovato il suo splendore e la possiamo utilizzare come ingrediente in molte ricette, aggiungendola all’impasto del pane o alla polenta, ma anche per biscotti, creme, paste, birre o gelati. La farina si fa apprezzare sia nel dolce sia nel salato e, come propone Ilario, anche per semplicemente impanare carne o pesce.

29.04.2015

Per saperne di più