Navigazione

Migros. M per il Meglio.

Essere sostenibili:

non solo parole, ma fatti. Scopri di più!

Standard sociali

Condizioni eque presso i fornitori

Nel mondo la sicurezza del posto di lavoro o la retribuzione con il salario minimo di legge non sono affatto garantite. Noi passiamo al vaglio le nostre catene di fornitura e imponiamo standard sociali in base al rischio, al fine di garantire che i fornitori delle nostre merci offrano ai propri lavoratori delle condizioni di lavoro sicure e socialmente sostenibili.

L'importanza degli standard sociali nei prodotti d'importazione

In Svizzera esistono basi giuridiche applicate con efficacia che garantiscono condizioni di lavoro sicure e socialmente sostenibili. Ma non è così in tutti i Paesi. Gli standard sociali non sono rispettati soprattutto nella produzione degli articoli d'importazione dai cosiddetti Paesi a rischio. Rientrano in questa categoria gli stati in cui le amministrazioni non dispongono di sufficienti risorse per verificare e imporre l'osservanza delle leggi sul lavoro nelle fabbriche o nei campi. Qui entriamo in gioco noi: tramite diversi standard internazionali facciamo in modo che siano rispettati i requisiti sociali minimi nella produzione e coltivazione di prodotti importati dai Paesi a rischio.

  • 1

    Requisiti formali del Gruppo Migros

    L'attuazione degli standard sociali in base al rischio è un requisito che tutte le imprese del Gruppo Migros devono soddisfare.

  • 2

    amfori BSCI

    Tutti i fornitori accettano i principi di amfori BSCI e si impegnano a tenerne conto nelle rispettive catene di fornitura.

  • 3

    GlobalGAP GRASP

    GRASP è un modulo supplementare di GlobalGAP che permette di controllare e migliorare le prassi sociali in agricoltura.

  • 4

    Altri standard internazionali

    Accettiamo che i nostri fornitori facciano riferimento anche ad altri standard, a condizione che pongano requisiti analoghi ad amfori BSCI.

Gli standard sociali nella pratica

Il nostro standard di riferimento è amfori BSCI che abbiamo contribuito a fondare nel 2003 allo scopo di migliorare le condizioni sociali nelle catene di fornitura in tutto il mondo. All'iniziativa hanno aderito oltre 2000 imprese di tutto il mondo. Grazie ad amfori BSCI, oltre cinque milioni di lavoratori impiegati nelle imprese dell'indotto possono lavorare a condizioni migliori.

Il codice di condotta amfori BSCI tratta i temi indicati qui di seguito.

  • Libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva
  • Nessuna discriminazione
  • Retribuzione adeguata
  • Orari di lavoro ragionevoli
  • Protezione dei lavoratori
  • Divieto di lavoro infantile
  • Protezione particolare dei lavoratori giovani
  • Divieto di occupazione precaria
  • Divieto di lavoro forzato
  • Tutela ambientale
  • Commercio etico

I fornitori identificati nel corso dell'analisi del rischio sono controllati periodicamente da società di audit riconosciute.

Se vengono rilevati eventuali margini di miglioramento nel corso dei controlli, concordiamo provvedimenti concreti insieme ai fornitori. I fornitori ricevono inoltre assistenza da amfori BSCI sotto forma di corsi di formazione e workshop.

Grazie a GRASP utilizziamo un sistema di controllo che mira a migliorare le prassi sociali in agricoltura.

In base alla classificazione di amfori BSCI, molti Stati europei non rientrano nella categoria dei Paesi a rischio, pur avendo ancora un certo potenziale di miglioramento delle condizioni di lavoro soprattutto nella produzione ortofrutticola. Per questo motivo pretendiamo l'applicazione di GlobalG.A.P. GRASP in alcuni Paesi, come Spagna e Italia per esempio.  

Gli standard sociali di GlobalGAP GRASP prevedono la formalizzazione di contratti di lavoro scritti, orari di lavoro e salari adeguati nonché un dialogo attivo tra datori di lavoro e lavoratori in tema di condizioni lavorative.

Siamo assolutamente contrari a qualunque forma di lavoro forzato e, in linea con il codice di condotta amfori BSCI, abbiamo rapporti solo con partner che si oppongono anch'essi a qualsiasi forma di lavoro forzato. Il lavoro forzato include qualsiasi forma di schiavitù moderna, tratta di esseri umani o lavoro involontario.

Perseguiamo un approccio basato sui rischi per la valutazione e la prevenzione. In caso di violazione del nostro codice di condotta da parte di un partner diretto o indiretto in seno alla nostra catena di fornitura esigiamo l'immediata cessazione di qualunque forma di lavoro forzato da attuare con una strategia di tolleranza zero. Le misure di miglioramento vengono immediatamente adottate e qualora non risolvano la situazione potranno seguire ulteriori misure, fino alla cessazione della relativa relazione commerciale.

Controlli mirati negli stabilimenti

Sozialstandards_Inhaltsbild_460x300

Per i fornitori di piccoli quantitativi o con pochi dipendenti, gli specialisti dei nostri uffici acquisti di Hong Kong e in India eseguono direttamente i controlli in fabbrica per tutta l'area asiatica. Come previsto dallo standard amfori BSCI, si fa il punto della situazione in loco e all'occorrenza vengono introdotte misure per migliorare le condizioni di lavoro. Anche i fornitori minori possono contare così sul sostegno di specialisti esperti.

Empowerment: condizioni di lavoro eque fanno bene a tutti

Con i nostri fornitori cerchiamo di intrattenere una collaborazione alla pari. Quando serve migliorare le condizioni di lavoro, li affianchiamo in questo sforzo. La capacità dei collaboratori e la formazione continua dei quadri dirigenti nelle fabbriche o nelle aziende agricole sono temi che ci stanno particolarmente a cuore. Una gestione responsabile dei dipendenti e delle risorse è quindi nell'interesse di tutti: una retribuzione adeguata, il lavoro straordinario entro i limiti di legge e una migliore sicurezza sul lavoro portano i loro frutti. I lavoratori sono più motivati e si riducono gli infortuni sul lavoro. Tramite strategie come i «Worker Involvement Training» per la promozione del dialogo sociale, gli studi partecipativi nel settore dell'orticoltura in Spagna o la messa a disposizione di strumenti di apprendimento digitali per i lavoratori, promuoviamo attivamente l'empowerment nella catena di fornitura.

L'e-learning migliora gli standard

Dal 2016 aiutiamo i produttori a responsabilizzare e formare il loro personale con lo strumento di apprendimento digitale Quizrr e i workshop in loco. Attività di empowerment su temi come il ruolo dei collaboratori, i diritti e le responsabilità o la situazione individuale per i lavoratori migranti. Si impartisce per es. una formazione concreta sulle conoscenze in materia di sicurezza sul lavoro, sulla salute, sulla sicurezza antincendio e degli edifici oppure si incoraggia la gestione della retribuzione, delle pratiche professionali o il dialogo con i datori di lavoro.

Una retribuzione dignitosa: lavorare per ricevere un salario adeguato

Oltre al presupposto del pagamento del salario minimo previsto per legge ci impegniamo anche a migliorare i salari nelle nostre catene di fornitura in modo che consentano un tenore di vita dignitoso. Il concetto di retribuzione decorosa è sempre più riconosciuto a livello internazionale e si accompagna alla crescente disponibilità di benchmark locali. Adottiamo un approccio olistico che consente un quadro per trattative salariali orientate agli obiettivi e contribuisce a soluzioni pratiche per un tenore di vita dignitoso:

  • monitoraggio delle condizioni di lavoro
  • identificazione di divari salariali
  • promozione del dialogo sociale nelle fabbriche
  • attuazione di progetti pilota con fornitori a lungo termine
  • dialogo con gli stakeholder (ONG e partner)

La nostra concezione di retribuzione dignitosa

Secondo la Global Living Wage Coalition (GLWC), un salario di sussistenza è il guadagno che un lavoratore/una lavoratrice riceve per una normale settimana di lavoro in un determinato luogo e che è sufficiente a fornire uno standard di vita decoroso per se stesso/se stessa e la sua famiglia. Tale standard include cibo, acqua, alloggio, istruzione, assistenza sanitaria, trasporto, abbigliamento e altre necessità di base, comprese le disposizioni per gli eventi imprevisti.

Per saperne di più

Tierwohl_Page-Linking_960x720

Direttive per un maggior benessere degli animali

Transparenz_Page-Linking_960x720

Catene di fornitura trasparenti e tracciabilità

Temi affini