Navigazione

Migros. M per il Meglio.

23.10.2014 - Prese di posizione La critica di Greenpeace sulle scarpe Trevolution è ingiustificata

Greenpeace sostiene che la Migros non si attiene alle direttive e ha in assortimento scarpe nocive per la salute. Ciò non corrisponde al vero.

La Migros vieta l'impiego del gruppo di sostanze nocive IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici) durante l'intero processo di produzione. Dal momento che sono però possibili contaminazioni durante la lavorazione o nelle materie prime, abbiamo definito dei valori limite.

Con i valori misurati da Greenpeace non sono state violate né le prescrizioni legali, né quelle della Migros. I nostri prodotti non sono in nessun modo nocivi per la salute.

La critica secondo la quale non ci impegneremmo abbastanza per la riduzione delle sostanze nocive è ingiustificata. Definiamo prescrizioni chiare, le attuiamo insieme ai fornitori e ne controlliamo regolarmente il rispetto. Diversamente da quanto afferma Greenpeace, le scarpe per bambini Trevolution corrispondono anche alle prescrizioni che varranno nell’UE a partire dalla fine del 2015.

Greenpeace scrive

“Il più contaminato con sostanze potenzialmente cancerogene del gruppo IPA è risultato essere il modello di scarpe per bambini Trevolution (Montana) della Migros con 116 mg/kg. I prodotti per bambini con contatto con la pelle, contenenti più di 0.5 mg/kg di sostanze cancerogene del gruppo IPA, non potranno più essere venduti nell’UE a partire dalla fine del 2015.”

Migros risponde

Il valore di 0.5 mg/kg (in vigore da dicembre 2015 nell’UE) menzionato da Greenpeace è valido solo per i materiali con contatto diretto con la pelle e per gli otto IPA classificati come più critici. È quindi applicabile unicamente alla soletta interna. La soletta interna delle scarpe per bambini Trevolution della Migros soddisfa queste prescrizioni. Non è stata dimostrata la presenza di alcuna delle otto sostanze nocive più importanti. Il valore citato di 116 mg/kg riguarda la suola esterna che non ha contatto con la pelle.

Conclusione

La Migros con i suoi fornitori è già sulla buona strada verso la riduzione di tutte le sostanze nocive nei tessuti e nelle calzature. Abbiamo delle prescrizioni sulle sostanze nocive per i prodotti tessili e prescrizioni specifiche per le calzature che applichiamo insieme e controlliamo continuamente. Come per i tessuti, anche per l'applicazione alla produzione di calzature ci atteniamo a un programma che mira a valori sempre più bassi. Vi sono tuttavia ancora diverse sfide che il settore deve affrontare: nelle suole possono ad esempio insinuarsi sostanze nocive, riconducibili anche all'impiego di materiali riciclati nel prodotto.