Navigazione

Migros. M per il Meglio.

05.10.2016 - Prese di posizione La Commissione Svizzera per la Lealtà critica la Migros: la nostra presa di posizione

La Commissione Svizzera per la Lealtà (CSL) ha criticato la Migros, circostanza che è stata tematizzata dalla stampa. Qui di seguito la nostra presa di posizione sul tema, che abbiamo pubblicato anche su generazione-m.ch.

Nel 2014 la Migros ha lanciato questa promessa per la tutela delle api: «Promettiamo a Noah che dalla fine del 2014 offriremo solamente fitosanitari e insetticidi che non mettono in pericolo le api». La Commissione Svizzera per la Lealtà (CSL) ritiene che l’informazione relativa alla promessa figurante sul nostro sito sia equivoca. La Migros ne prende atto e, conformemente alla raccomandazione della CSL, ha eliminato spontaneamente dal sito la promessa in questione.

Sostanzialmente la promessa della Migros riguardante la tutela della api poggia esplicitamente sul rapporto di Greenpeace «Bye bye Biene?» pubblicato nel 2013. In esso Greenpeace menziona 7 sostanze attive nocive per le api (cfr. studio Greenpeace, tab. 1, pag. 8). Greenpeace ha individuato alcune sostanze attive che possono essere nocive per le api anche in caso di esposizione indiretta e non solo di esposizione diretta. Queste rappresenterebbero comunque un pericolo per le api, anche in caso di utilizzo corretto. Tra gli effetti osservati in questo contesto vi sono una maggiore mortalità e disturbi dello sviluppo delle larve. In passato la Migros produceva 10 articoli che includevano tali sostanze attive. Questi prodotti sono stati interamente liquidati o adeguati. Con questa misura la Migros è stato il primo dettagliante in Svizzera ad andare oltre le norme di legge in materia di salvaguardia delle api. 

La Commissione Svizzera per la Lealtà (CSL) ha sottolineato che il rimando sul nostro sito al rapporto di Greenpeace «Bye bye Biene?» del 2013 era poco chiaro e troppo complicato dal punto di vista del contenuto. Su raccomandazione della CSL la Migros ha pertanto eliminato volontariamente dal sito i passaggi contestati.

Maggiori informazioni