Navigazione

Migros. M per il Meglio.

Utile operativo per Hotelplan Group - 16.03.2010 Utile operativo per Hotelplan Group nonostante il difficile contesto

Glattbrugg - Fatturato e risultati sono stati influenzati notevolmente dalla recessione globale – Operatività redditizia, grazie a lungimiranti misure riorganizzative – Impiego di tecnologie d’informazione d’avanguardia – Ben equipaggiati per il futuro grazie a un portafoglio di marchi e prodotti attraenti

Il gruppo a vocazione internazionale Hotelplan, appartenente alla cerchia delle società del Gruppo Migros, ha generato nell’esercizio 2008/2009 (chiusura al 31 ottobre 2009), con un fatturato di 1.618 miliardi di franchi, un utile operativo (EBITDA) di 7.1 milioni di franchi. Importanti fattori esterni, quali la crisi finanziaria ed economica, le forti oscillazioni dei cambi o i timori dei clienti dovuti all’influenza suina hanno influito sensibilmente sul fatturato (-16.1%) e sui risultati (-82.8%). Hotelplan Group continua tuttavia a disporre di un bilancio particolarmente solido. Sono state messe in atto tutte le misure affinchè, in questo anno commerciale dal quale si attende una stagnazione del fatturato, si possa in ogni caso ottenere un risultato significativamente migliore dello scorso anno.
Nello scorso esercizio, gli affari internazionali di Hotelplan Group si sono difesi bene, anche se nel consolidamento dei risultati hanno gravato notevolmente gli sviluppi negativi dei cambi. Con un fatturato di 1.618 miliardi di franchi, inferiore del 16.1% (di cui 5.1% effetti valutari) rispetto al periodo precedente, risulta un utile operativo (EBITDA) di 7.1 milioni di franchi. Tenuto conto degli ammortamenti e degli effetti una tantum, come i costi di riorganizzazione, risulta un utile d’esercizio (EBIT) di -21.6 milioni di franchi. Nell’esercizio in corso non sono previsti ulteriori costi di ristrutturazione. Sviluppi positivi si riscontrano da Interhome, intermediario di appartamenti e case di vacanza, e in generale presso la crescente vendita online. Anche il settore viaggi svizzero è ulteriormente migliorato rispetto al periodo precedente, sul quale avevano inciso gli oneri di riorganizzazione, e chiude con una piccola perdita a livello EBITDA di -1.8 milioni di franchi. I nuovi marchi online Migros Ferien/Vacances Migros e Denner Reisen/Voyages Denner, appartenenti a M-Travel Switzerland, riscuotono molto successo presso la clientela e hanno conquistato importanti quote di mercato. Dopo aver trasferito già due anni fa la responsabilità operativa di Belair Airlines ad Air Berlin, lo scorso anno Hotelplan Group ha proceduto alla conseguente vendita della compagnia aerea.

«Avendo previsto un difficile contesto di mercato, abbiamo applicato per tempo diverse misure di riduzione dei costi. Grazie a offerte attraenti, una definizione dei costi più bassa e impegni ridotti ci attendiamo già quest’anno un sensibile miglioramento dei risultati», osserva fiducioso Christof A. Zuber, CEO di Hotelplan Group.

Proventi stabili e innovazioni tecniche

Nell’esercizio 2008/2009 la priorità è andata al consolidamento del potenziale di redditività in tutti i settori d’attività. Già nell’autunno del 2008 erano state avviate e coerentemente applicate diverse misure di riduzione dei costi. Nel quadro della strategia di crescita AVENIDA sono inoltre state introdotte ulteriori innovazioni tecniche. Con bta first travel e Group Worldspan, M-Travel Switzerland ha acquisito in Svizzera due partecipazioni che si addicono molto bene al gruppo. Si è inoltre conclusa con successo l’integrazione di Inntravel in Inghilterra nonché del tour operator russo Ascent Travel, rilevati durante l’esercizio precedente.

La gamma di offerte esclusive all’insegna del marchio TClub è stata ulteriormente arricchita tramite l’ampliamento del resort «TClub Berenice» sul Mar Rosso nonché la ristrutturazione dell’isola delle Maldive «Vakarufalhi». L’internazionalizzazione di questo marchio di Hotelplan Italia è confermata dal fatto che in Svizzera le offerte di TClub sono state rilevate da Globus Reisen/Globus Voyages.

Il modello aziendale di Interhome, oggi presente in 27 destinazioni, si dimostra molto resistente alle crisi e solido. Al netto degli effetti valutari, fatturato e utile sono aumentati rispetto all’esercizio precedente. Il numero delle offerte è passato da 19’500 a circa 21’000. La distribuzione ha conosciuto un’espansione nei mercati alla fonte in Croazia, India e Israele. Nel contempo, nell’estate 2009, tutti i call center sono stati trasferiti a Praga.

M-Travel Switzerland: innovativo e orientato alla clientela

Nell’esercizio in rassegna il tour operator svizzero M-Travel Switzerland ha ulteriormente ristrutturato e riposizionato il proprio portafoglio di marchi. Denner Reisen/Voyages Denner ha raddoppiato il fatturato e anche la cifra d’affari di Migros Ferien/Vacances Migros ha registrato, nel primo anno dal suo lancio, uno sviluppo molto soddisfacente. In vista del suo 75° anniversario, Hotelplan, marchio di riferimento, si è rafforzato come partner commerciale attraente. Per contro, sia Tourisme Pour Tous – lo specialista dei viaggi a tema nella Svizzera francese –, sia Travelhouse – lo specialista per viaggi individuali – hanno accusato una leggera riduzione del fatturato. Globus Reisen/Globus Voyages è invece diventato un operatore di successo per il segmento di clientela medio-alto. Con l’acquisto della redditizia bta, M-Travel Switzerland denota un importante rafforzamento in portafoglio anche del segmento dei viaggi d’affari. M-Travel Switzerland sarà presente anche in futuro nel commercio specializzato e nella vendita diretta con una strategia multicanale mirata e attenta ai bisogni dei clienti.

Prospettive ottimistiche

L’andamento attuale dell’esercizio in corso – che continua a essere caratterizzato da un contesto incerto – rispecchia le aspettative. Mentre la forza del franco svizzero aumenta il proprio potere d’acquisto dei connazionali all’estero, sul fatturato consolidato continuano a gravare i negativi sviluppi delle valute. Continua anche il trend delle prenotazioni all’ultimo minuto. La trasformazione strutturale del settore si mostrerà ad esempio in un ulteriore aumento delle prenotazioni online. Sono state messe in atto tutte le misure affinchè, in questo anno commerciale dal quale si attende una stagnazione del fatturato, si possa in ogni caso ottenere un risultato significativamente migliore dello scorso anno. Hotelplan Group conferisce a tal fine grande importanza ai progetti strategici, non compromessi da ottimizzazioni dei guadagni a breve termine.

Citazioni dei relatori della conferenza stampa sul bilancio di Hotelplan Group del 16 marzo 2010

Dr. Christof A. Zuber, CEO Hotelplan Group:

«Grazie ai nostri collaboratori competenti e motivati e alla nostra tecnologia d'avanguardia, siamo riusciti lo scorso anno a lavorare in modo redditizio e siamo particolarmente ben preparati per il futuro.»

«Nell’estate 2009 ci siamo dati come obiettivo la redditività operativa per l’esercizio trascorso, obiettivo che è stato raggiunto.»

«Nonostante si siano adottate massicce misure di risparmio, non metteremo in pericolo i lungimiranti progetti e investimenti futuri.»

Markus Glesti, CFO Hotelplan Group:

«Hotelplan Group ha chiuso l’esercizio in modo redditizio sul piano operativo, malgrado un contesto economico estremamente difficile.»

«Il bilancio è molto solido, ciò significa sicurezza per clienti, collaboratori e partner d’affari.»

«La definizione dei costi e gli impegni presi sono pronti per l’esercizio 2009/2010.»

Thomas Stirnimann, CEO M-Travel Switzerland:

«I nostri marchi online Denner Reisen/Voyages Denner e Migros Ferien/Vacances Migros sono stati lanciati un anno fa. Da allora questi canali di vendita hanno messo a segno risultati superiori alle aspettative, confermando così gli investimenti nei futuri settori di crescita.»

«Anche nel 2010 le modalità di prenotazione dei nostri clienti saranno caratterizzate da prenotazioni all’ultimo minuto.»

«Possiamo constatare che il settore dei viaggi d’affari, dei viaggi individuali e dei viaggi per un target di clientela medio-alto sono i primi a riprendersi dagli effetti della crisi economica.»

Ulteriori informazioni: