Navigazione

Migros. M per il Meglio.

Migros 2012: la cifra d’affari al dettaglio cresce in termini reali del 2,3% - 18.01.2013 Migros 2012: la cifra d’affari al dettaglio cresce in termini reali del 2,3%

Zurigo - Migros a fronte di una difficile situazione di mercato e di un rincaro negativo del -0,9% ha realizzato una cifra d’affari al dettaglio di 21,346 miliardi di franchi che, tenendo conto del carovita, corrisponde a una crescita del 2,3%. Le dieci cooperative hanno nuovamente rimesso ai propri clienti 204 milioni di franchi sotto forma di ribassi. Nonostante il rincaro negativo del -1,4% e alcuni trasferimenti di fatturato, la cifra d’affari con 14,524 miliardi di franchi è praticamente riuscita a mantenersi sui livelli dell’esercizio precedente. La crescita in termini reali è pari all’ 1,0%. Un incremento superiore alle media si segnala per i prodotti sostenibili. A trainare le vendite in questo settore sono stati soprattutto gli articoli Bio che hanno registrato una crescita del +9,1%. L’esercizio si è chiuso in terreno positivo anche per Denner con un più 1,8%, Migrol con +7,4% e Depot con +26,0%. Il 2012 mette a segno un rialzo anche per l’M-Industria con un più 1,7%.

Cifra d’affari del Gruppo
I ricavi totali del Gruppo Migros sono aumentati, nel 2012, di 167 milioni di franchi (+0,7%) e ammontano ora a 25,026 miliardi di franchi (anno precedente: 24,859 miliardi di franchi).

Cifra d’affari al dettaglio
Nel trascorso esercizio, la cifra d’affari al dettaglio complessiva (senza imposta sul valore aggiunto) si è attestata a 21,346 miliardi di franchi (anno precedente: 21,059 miliardi di franchi), segnando una crescita nominale dell’1,4%. Gli effetti del rincaro negativo (-0,9%) sulla cifra d’affari al dettaglio si quantificano in -194 milioni di franchi. Tenendo conto del carovita, la crescita si traduce pertanto nel +2,3%. La cifra d’affari al dettaglio è così composta: cooperative Svizzera ed estero 14‘524 milioni di franchi (-0,4% dopo aver preso in considerazione l’effetto straordinario nell’attività del commercio all’ingrosso), Denner 2’833 milioni di franchi (+1,8%), Migrol 1’897 milioni di franchi (+7,4%), Globus 779 milioni di franchi (-1,1%), Depot 334 milioni di franchi (+26,0%), Interio 196 milioni di franchi (-19,3%), Gruppo Office World (OWiba) 160 milioni di franchi (+2,6%), Ex Libris 154 milioni di franchi (-8,9%), LeShop.ch 150 milioni di franchi (0,0%) e altre aziende (Migrolino SA, m-way, Probikeshop, Ryffel Running, Widmer SA) 285 milioni di franchi.

La cifra d’affari al dettaglio realizzata in Svizzera ammonta a 20,778 miliardi di franchi (anno precedente: 20,573 miliardi di franchi) e registra così un incremento nell’ordine dei 205 milioni di franchi (+1,0%). All’estero (Migros Germania e Francia, Gries Deco Company e Probikeshop), la cifra d’affari al dettaglio nel 2012 è salita complessivamente a 568 milioni di franchi (+16,9% o +82 milioni di franchi).

Vendita al dettaglio affidata alle cooperative: Nel 2012, le dieci cooperative Migros hanno realizzato una cifra d’affari pari a 14,322 miliardi di franchi in Svizzera e a 202 milioni di franchi all’estero (totale: 14,524 miliardi di franchi). Tenuto conto degli effetti straordinari nel commercio all’ingrosso (trasferimento di 78,4 milioni di franchi dalla cooperativa Zurigo a Migrolino), la cifra d’affari ha accusato una perdita nominale del -0,4% rispetto all’esercizio precedente – con un rincaro negativo del -1,4% sull’intero assortimento. In termini reali, dunque, le cooperative Migros durante l’anno in rassegna hanno potuto incrementare del +1,0% le proprie cifre d’affari nel core business.

La cifra d’affari nei supermercati/ipermercati si è attestata a 11,386 miliardi di franchi (-0,6%). A fronte di un rincaro negativo del -1,4% è risultata una crescita reale del +0,8%. I mercati specializzati (Micasa, SportXX, Melectronics, Do it + Garden e Obi) hanno realizzato una cifra d’affari pari a 1’370 milioni di franchi (+1,8%). Il rincaro negativo corrisponde in questo settore al -4,6%. In termini reali, dunque, i mercati specializzati Migros hanno potuto mettere a segno una crescita del +6,4% rispetto all’esercizio precedente.

Nel 2012, la cifra d’affari per scontrino è aumentata del +0,4% nei supermercati/ipermercati di Migros, sfiorando in media i 33 franchi. Nei mercati specializzati, il valore è di poco inferiore ai 55 franchi (-0,3%).

Nel settore della gastronomia non è stato del tutto possibile mantenere la cifra d’affari sui livelli dell’esercizio precedente a causa di ristrutturazioni e chiusure di ristoranti. Molto soddisfacente può considerarsi l’andamento della cifra d’affari nei take away.

Rafforzamento della leadership qualità-prezzo: Nel 2012, le cooperative hanno praticato ribassi in media del -1,4%. Per i clienti, queste riduzioni dei prezzi si sono tradotte in un importo totale di 204 milioni di franchi e hanno interessato più di 2000 articoli. I maggiori ribassi si sono registrati da Melectronics (-6,4%) e da Micasa (-4,9%).

Innovazioni e novità: Particolare successo hanno riscosso nel 2012 il lancio di capsule per caffè Café Royal e l’espansione dell’assortimento “Dalla regione. Per la regione.”, così come le private label Farmer e Bifidus. I clienti hanno apprezzato inoltre le offerte Famigros per le famiglie e l’introduzione del sistema di cassa selfservice “Subito“.

Andamento positivo per i prodotti con un plusvalore sostenibile: Nel 2012 è stato possibile incrementare sensibilmente le cifre d’affari realizzate con i prodotti label. A trainare le vendite sono stati soprattutto l’assortimento Migros Bio (+9,1%), i prodotti a marchio FSC (+19,2%) e i prodotti di pesca sostenibile contrassegnati dalla label MSC (+12,2%). A fine esercizio, inoltre, il 65% delle tavolette di cioccolata prodotte da Chocolat Frey in vendita da Migros era certificato UTZ (cacao proveniente da coltivazione sostenibile, eco- e socio-compatibile). Gli apparecchi a particolare efficienza energetica con il marchio Topten hanno messo a segno un incremento della cifra d’affari pari al +24%.

Nell’ambito della strategia sulla sostenibilità di Migros sono in fase di attuazione 87 programmi specifici sul tema del “consumo sostenibile“ con 16 promesse vincolanti fatte da Migros alla Generazione M (generazione di domani).

Espansione della rete e delle superfici di vendita finalizzata all’approvvigionamento locale: Al termine del trascorso esercizio, la rete dei punti vendita di Migros contava 631 sedi, 8 in più rispetto al 2011 (cfr. tabella in appendice).

La superficie di vendita per supermercati/ipermercati, mercati specializzati e gastronomia è aumentata complessivamente di +12’341 m2 (+0,9%) per un totale di 1'344’738 m2. Il processo di potenziamento della rete di vendita dei supermercati/ipermercati si è concentrato sul miglioramento di Migros nell’approvvigionamento locale. Ulteriori località e quartieri hanno così visto l’apertura di un supermercato Migros (p. es. Frutigen, Hasle-Rüegsau, Oberriet, Ruswil, Lucerna-Allmend, stazione ferroviaria di Zurigo-Altstetten). A Zurigo Höngg ha inoltre aperto i battenti il primo supermercato Bio “Alnatura“. Per quanto riguarda i mercati specializzati, si segnala la realizzazione completamente a nuovo dei centri di Nyon e Martigny. Il Glattzentrum (Wallisellen) ha ospitato l’apertura della prima filiale di Melectronics con il nuovo concetto per i negozi.

Commercio

Globus: I Grandi Magazzini Globus SA (Globus e Globus Uomo) hanno realizzato nel 2012 una cifra d’affari netta complessiva di 779 milioni di franchi, risultato che si traduce in una flessione del -1,1% rispetto al 2011. Tuttavia, considerato il calo dei prezzi di vendita medi nell’ordine dell’1,6% e il rincaro annuo negativo, il risultato dell’esercizio in rassegna si pone nettamente al di sopra delle aspettative.
I grandi magazzini Globus hanno subito un calo delle vendite pari al -0,8% e realizzato una cifra d’affari netta di 704,6 milioni di franchi. Quella dei negozi specializzati Globus Uomo si è invece fermata a 74,3 milioni di franchi (-4,9%).

Denner: Denner, nel 2012, ha saputo migliorare ancora il proprio risultato e rafforzare ulteriormente la posizione di maggiore discount. La cifra d’affari è cresciuta di 49 milioni di franchi per un totale di 2’833 milioni di franchi (+1,8%). Tenendo conto degli effetti del rincaro pari all’1,5%, la crescita reale si quantifica nel +3,3%. Durante l’esercizio in rassegna, Denner ha ampliato con 24 filiali la propria rete di vendita che può ora contare su 788 sedi in totale.

Attività online, LeShop.ch e altri offerenti:
Nel 2012, LeShop ha venduto generi alimentari per 150 milioni di franchi e ha così saputo confermare il risultato dell’esercizio precedente. Oggi come ieri, dunque, LeShop può considerarsi di gran lunga il più grande negozio online di generi alimentari in Svizzera. Il 2012 è stato inoltre caratterizzato da numerose innovazioni. I punti di ritiro LeShop.ch Drive e Rail hanno registrato una buona partenza e le nuove app per iPad hanno fatto salire al 23% la percentuale degli apparecchi mobili sulla cifra d’affari. Il numero dei nuovi clienti è aumentato del 15% (+4’200 rispetto all’esercizio precedente).

Complessivamente, Migros ha potuto nuovamente estendere la propria incontestata leadership di mercato nel settore del commercio elettronico, passando a una cifra d’affari di 704,5 milioni di franchi (+6,0%). Questo valore ingloba LeShop.ch nonché le attività online del Gruppo Hotelplan, di Ex Libris, Office World, Migrol, Probikeshop, Micasa, SportXX e Melectronics.

Migrol: Nel 2012, i prezzi (+4,4%) delle materie prime fossili si sono mantenuti ancora su livelli elevati con un impatto sempre positivo sulla cifra d’affari. Il suo valore ha infatti registrato una crescita di 130 milioni di franchi, passando a 1’897 milioni di franchi (+7,4%).

Migrolino: Migrolino, a fine 2012, contava in totale 194 sedi (+20) per una cifra d’affari di 224 milioni di franchi (78,4 milioni di franchi sono stati trasferiti dalla cooperativa Zurigo). Gli shop sono suddivisi come segue: standalone 43 (+4), Migrol-Migrolino 84 (+3), Shell-Migrolino 59 (+5) e Socar-Migrolino 8 (+8).

Depot: Anche nel 2012, la catena di negozi “DEPOT“ (Gries Deco Company) non solo figura tra i concetti Non Food in maggiore sviluppo nell’area europea, ma ha anche saputo dare un nuovo e consistente impulso alla propria leadership di mercato nel settore degli accessori d’arredo. La cifra d’affari totale ha registrato un aumento del 28%, raggiungendo 277 milioni di euro nei paesi di lingua tedesca (D, CH e A; per il Gruppo Migros, dopo aver preso in considerazione il cambio: 334 milioni di franchi / +26%). Per l’anno in rassegna si segnala l’apertura di 90 nuovi shop e il lancio di un negozio online DEPOT in Germania, Austria e Svizzera; di questa nuova realtà tiene conto un centro logistico da 150’000 m², allestito nello stesso anno, la cui apertura è prevista per l’inizio del 2013.

m-way: Nel 2012, m-way ha affiancato alle tre sedi esistenti (Zurigo, San Gallo e Ginevra) altre quattro filiali: Losanna, Berna Westside, Basilea e Berna. A Berna Westside è stata inoltre aperta la prima E-BikeTower completamente automatica in Svizzera.

Industria
Nel 2012, l’industria propria ha saputo potenziare ulteriormente la propria posizione sul mercato sia in Svizzera che all’estero. L’industria ha realizzato una cifra d’affari pari a 5,426 miliardi di franchi (anno precedente: 5,333 miliardi di franchi), mettendo a segno un aumento dell’1,7%. Al riguardo seguirà un comunicato stampa separato il prossimo 19 febbraio.

Gruppo Hotelplan
Nel 2012, la cifra d’affari del Gruppo Hotelplan ha subito una contrazione del -13,5% o di -188 milioni di franchi, attestandosi a 1’203 milioni di franchi (anno precedente: 1’391 milioni di franchi). Nonostante il grounding della compagnia aerea Hello e gli alterchi politici in Egitto, Hotelplan Suisse ha confermato il turnaround per l’attività in Svizzera. I risultati deboli del business in Italia, però, generano ripercussioni negative sui risultati dell’intero Gruppo Hotelplan.

Banca Migros
La Banca Migros, approfittando del forte afflusso nei depositi di risparmio, ha saputo incrementare nettamente il proprio volume d’affari. Nell’esercizio 2012, le giacenze di depositi della clientela sono cresciute del 7,4% per un totale di 29,4 miliardi di franchi. Anche per le ipoteche si registra un aumento consistente. Il volume dei crediti ipotecari è salito del 5,5%, raggiungendo i 29,1 miliardi di franchi. Il ricavo d’esercizio è aumentato dello 0,4% e, con 593 milioni di franchi, mette a segno il valore più alto nella storia dell’azienda. L’utile lordo ha subito una leggera flessione pari all’1,9%, scendendo a 312 milioni di franchi.

La conferenza stampa sul bilancio della Federazione delle cooperative Migros (FCM) si terrà martedì, 9 aprile 2013 a Zurigo.

 

La rete di distribuzione Migros nel 2012

 Superficie di vendita totale¹) 1‘344‘738 m² (+12‘341 m² o +0,9%)

 

Formato Numero di sedi nel 2012 Numero di sedi nel 2011
Totale sedi 631 623
M 305 297
MM 211 214
MMM 40 39
Mercati specializzati e Parchi M 46 46
Negozi speciali 24 23
Gastronomia (autonoma) 5 4
Ristoranti M (integrati)² 186 185
Shop Migrolino 194 174

¹) Superficie di vendita senza shop Migrolino

²) I ristoranti M integrati non contano come sedi proprie.

Più ampie informazioni: