Navigazione

Migros. M per il Meglio.

La Migros sostiene un professorato dell'ETH - 13.11.2015 La Migros sostiene un professorato dell'ETH

Zurigo - L'ETH di Zurigo riceve dalle industrie Migros e dall'impresa Bühler complessivamente cinque milioni di franchi svizzeri per il finanziamento del professorato di Sustainable Food Processing. Nell'ambito dell'iniziativa ETH «Sistema alimentare mondiale», si promuovono inoltre progetti di ricerca di post-dottorandi.

Il percorso dei generi alimentari dal campo al piatto è lungo e spesso complicato. Il fatto che molti alimenti, risorse ed energia vadano persi inutilmente è per molti consumatori un problema. Il professorato di Sustainable Food Processing, recentemente istituito, studia lo sviluppo di procedimenti innovativi affinché la produzione degli alimenti diventi più ecologica e sostenibile.

Il professorato, integrato nel Dipartimento per le scienze della salute e la tecnologia, si dedica all'intero ciclo del prodotto, dalla molecola fino al genere alimentare pronto per la vendita. Vengono altresì analizzate e ottimizzate le proprietà di singoli prodotti per incrementarne ad esempio il valore nutritivo o per renderli più tollerabili. Il dott. Alexander Mathys, attualmente responsabile di settore presso l'Istituto tedesco per le tecnologie alimentari della Bassa Sassonia, inizierà la sua attività all'ETH di Zurigo già da gennaio 2016.

Il presidente dell'ETH Lino Guzzella si rallegra del fatto che l'ETH di Zurigo possa portare avanti la sua ricerca in questo campo grazie al sostegno dei due partner industriali: «Lo spreco alimentare è un tema importante. È inammissibile sprecare generi alimentari che vengono urgentemente necessitati altrove. Sono convinto che il nuovo professorato contribuirà a sviluppare soluzioni per questa problematica.»

Walter Huber, direttore dell'Industria Migros e membro della Direzione generale della Federazione delle Cooperative Migros (FCM) spiega: «L'efficienza delle risorse è molto importante per noi. Le industrie Migros e l'intero settore possono approfittare delle nozioni derivanti dalla ricerca.»