Navigazione

Migros. M per il Meglio.

Conferenza dei media della FCM per la presentazione del bilancio - 13.04.2016 Migros 2015 Performance fondamentalmente solida in un contesto difficile

Zurigo - Nel 2015 il Gruppo Migros ha evidenziato una buona tenuta ed è riuscito a conquistare nuovamente significative quote di mercato nonostante l'incremento del turismo degli acquisti, il franco forte e le perdite sui corsi di cambio ad esso connesse. I ricavi sono aumentati dello 0,1% raggiungendo 27,4 miliardi di franchi. L'utile del gruppo si è attestato a 791,1 milioni di franchi ovvero 34,5 milioni in meno rispetto all'anno precedente (-4,2%). Gli investimenti, il cui volume è stato di 1,356 miliardi di franchi, si sono mantenuti ancora una volta a livelli elevati. A fine anno il Gruppo Migros occupava un organico che per la prima volta superava 100'000 persone, provenienti da 150 nazioni diverse.

Das orange M aus vielen kleinen orangen Ms

Herbert Bolliger, presidente della Direzione generale della Federazione delle Cooperative Migros (FCM), commenta in questi termini il successo dell'esercizio: "Nonostante il difficile contesto di mercato, nel commercio al dettaglio siamo riusciti ad incrementare di nuovo la frequenza dei clienti e ad espanderci in modo considerevole. I consumatori apprezzano le nostre marche proprie e il nostro impegno sociale, ecologico e culturale così come dimostrano i numerosi feedback su Migipedia e su Facebook e tutti i sondaggi, come ad esempio l'ultimo GfK Business Reflector. Per il terzo anno consecutivo i 3500 intervistati hanno decretato che Migros è l'impresa che ispira maggiore simpatia, oltre a essere la più sostenibile e quella di maggiore successo economico. Molto positiva è anche la forte crescita del commercio online. Migros rimane dunque un'impresa in perfetta salute e innovativa, che gode della massima fiducia."

L'anno 2015/2016 di Migros

Punti salienti

  • A inizio anno Migros ha donato ai suoi clienti un milione di pacchetti regalo  "Noi firmiamo. Noi garantiamo.".
  • PickMup! Ora i clienti Migros possono ritirare i prodotti ordinati nei principali shop online del Gruppo Migros presso le filiali delle altre imprese Migros e persino nei centri fitness.
  • Dall'agosto 2015 i clienti che dispongono dell'app Migros, già scaricata oltre 1,5 milioni di volte, possono pagare alla cassa Migros usando il cellulare.
  • Il sondaggio GfK Business Reflector ha decretato per la terza volta consecutiva che, tra le 52 aziende leader in Svizzera, Migros è quella che gode della migliore reputazione. Il consenso dei 3500 intervistati è addirittura aumentato rispetto all'anno precedente.
  • Twin by Delizio, la macchina per le bevande a base di latte e per il caffè di produzione Migros è stata accolta molto positivamente dal mercato.

Acquisizioni

  • All'1.1.2015, nell'ambito di una successione, Saviva, che fa parte dell'Industria Migros, ha rilevato il Gruppo Lüchinger+Schmid.
  • All'1.4.2015, la Federazione delle Cooperative Migros ha aumentato la propria partecipazione azionaria in Digitec Galaxus SA dal 39,1% al 70% diventando così azionista di maggioranza.
  • Al 15.10.2015, Medbase SA ha rilevato il 70% di Santémed Gesundheitszentren SA da Swica, rafforzando così il proprio impegno nel settore sanitario. Con questa collaborazione nasce la più ampia rete di assistenza medica di base ambulatoriale.

Riconoscimenti

  • La rinomata agenzia di rating Oekom Research ha analizzato l'impegno in ambito sociale ed ecologico di 140 imprese commerciali di tutto il mondo. Il Gruppo Migros si è classificato di gran lunga in testa a tutti gli altri candidati. Ottenendo la valutazione B+ si è affermato come il dettagliante più sostenibile del mondo.
  • Ormai per la terza volta consecutiva Migros è in testa alla classifica sulla reputazione della GfK Switzerland SA e del Forschungsinstituts Öffentlichkeit und Gesellschaft dell'Università di Zurigo (fög). Rispetto allo scorso anno, Migros ha addirittura registrato un ulteriore incremento, ottenendo una valutazione ancora più favorevole da parte dei 3500 interpellati e ricevendo le migliori valutazioni in tutte e tre le categorie: per i suoi risultati economici, per l'unicità del suo profilo e per il suo eccellente impegno sociale, ecologico e culturale.
  • Secondo lo studio BrandPredictor realizzato da Havas Worldwide Switzerland, Migros è la marca preferita in Svizzera, seguita da M-Budget.
  • Migros e l'industria Migros Mifa SA vincono lo Swiss Packaging Award nella categoria Sostenibilità.
  • All'inizio del 2016, in riconoscimento del suo impegno pluriennale nella protezione ambientale e nell'efficienza energetica, la Migros ha ricevuto il premio speciale "Watt d’Or" dall'Ufficio federale dell'energia.

Gruppo Migros

Andamento dei ricavi e dell'utile
Nel 2015 il fatturato del Gruppo Migros è aumentato di 31,9 milioni di franchi, attestandosi a 27,406 miliardi di franchi (+ 0,1%). Il risultato è stato pesantemente influenzato dal rincaro negativo insolitamente elevato in singoli settori commerciali (benzina, olio combustibile, viaggi, elettronica, ecc.) e da un effetto valutario pari a -1,0%. Tali fattori hanno determinato una riduzione del fatturato di oltre 1 miliardo di franchi. L'utile al lordo degli oneri finanziari e fiscali (EBIT) si è attestato a 981,6 milioni di franchi (-12,8%) con un tasso di rendimento del 3,6% (esercizio precedente: 4,1%). L'utile del Gruppo si è ridotto di 34,5 milioni di franchi (-4,2%) abbassandosi a 791,1 milioni di franchi (esercizio precedente: 825,6 milioni di franchi). Nello stesso periodo il capitale proprio ha registrato un incremento di 832,2 milioni di franchi attestandosi a 16,802 miliardi (+ 5,2%). La quota di capitale proprio ammonta, Banca Migros compresa, al 27,0%; senza Banca Migros al 66,5%.

Investimenti
Gli investimenti  sono ammontati a 1,356 miliardi di franchi (2014: 1,641 miliardi di franchi). Anche nel 2015 Migros ha così dimostrato di essere un partner importante per l'economia svizzera aiutando ad assicurare migliaia di posti di lavoro. Gli investimenti si sono focalizzati soprattutto su progetti di espansione delle superfici e su ristrutturazioni destinate ad aumentare l'attrattiva dei negozi.

Collaboratori e apprendisti
L’organico è aumentato di 2917 persone, passando a 100'373 collaboratori. Per la prima volta nella sua storia, Migros impiega così oltre 100'000 collaboratori. L'incremento, pari al 3,0%, è dovuto soprattutto a cambiamenti nel perimetro del consolidamento (rilevamento della Santémed Gesundheitszentren SA, del Gruppo Lüchinger+Schmid e della Digitec Galaxus SA). Nel 2015 Migros ha occupato circa 86'000 persone in Svizzera, con una quota pari al 28,7% di cittadini stranieri provenienti da 150 nazioni. Nel corso dell'anno, 39 imprese del Gruppo Migros hanno formato 3700 apprendisti in oltre 50 diverse professioni, vale a dire 50 apprendisti in più rispetto al precedente esercizio.

Fatturato in dettaglio in Svizzera e all'estero
Nel commercio al dettaglio in Svizzera e all'estero il fatturato registrato è stato di 22,996 miliardi di franchi (esercizio precedente: 23,052 miliardi di franchi), con una lieve retrocessione dello 0,2%. Il rincaro negativo medio del 2,7% e l'effetto valutario hanno influenzato negativamente il risultato. Al netto del cambio e del rincaro la crescita è stata del 3,4% (vedere la tabella del fatturato a pagina 10).

Il fatturato nel commercio al dettaglio all'estero ingloba il fatturato di Migros Francia, del Gruppo Tegut, del Gruppo Gries Deco Germania e Austria e di Probikeshop. Rispetto al precedente esercizio, si è registrato un incremento del fatturato in euro del 5,9%, mentre in franchi svizzeri il fatturato nominale si è ridotto a causa del corso dei cambi di 145,5 milioni di franchi, abbassandosi a 1,672 miliardi di franchi (-8,0%).

Secondo un’analisi della società BAKBASEL, nel 2015 il Gruppo Migros ha aumentato la propria quota di mercato* dello 0,8%, portandola al 21,2%.

*In base al fatturato nominale del commercio al dettaglio senza auto/carburanti in Svizzera.

Commercio online
Nel settore del commercio online Migros ha ulteriormente rafforzato il proprio incontrastato ruolo di capofila del mercato. Il fatturato complessivo del settore, compreso Digitec Galaxus, si è attestato in termini nominali a 1,600 miliardi di franchi (+47,3%). Tralasciando gli effetti delle acquisizioni, del rincaro e della valuta, il fatturato del commercio online è stato pari a 1,149 miliardi di franchi (+8,9%), di cui 938,1 milioni (+10,2%) nel commercio al dettaglio online.

Commercio al dettaglio delle cooperative

Il commercio al dettaglio delle cooperative è stato nuovamente caratterizzato da un aumento (8%) degli acquisti nei Paesi esteri limitrofi, da una forte concorrenza a livello nazionale e da un rincaro medio del -6% nei mercati specializzati e del -1,3% nei supermercati.

In Svizzera e all'estero le dieci cooperative regionali hanno realizzato un fatturato di 15,613 miliardi di franchi (esercizio precedente: 15,910 miliardi di franchi), registrando così una variazione del -1,9%. L'effetto valutario negativo è stato pari a 159,5 milioni di franchi (-1%). Al netto del cambio e del rincaro la crescita reale è stata dello 0,7%. La clientela ha potuto beneficiare di riduzioni di prezzo per oltre
200 milioni di franchi.

In Svizzera il fatturato registrato dai supermercati è stato di 11,670 miliardi di franchi. Tenuto conto del rincaro medio pari al -1,3% le dieci cooperative sono dunque state in grado di mantenere il fatturato in termini reali.

Nel 2015 i 5 mercati specializzati Migros Micasa, SportXX, melectronics, Do it + Garden e Obi hanno realizzato un fatturato totale di 1,622 miliardi di franchi (-3,0%). Al netto del rincaro del -6,0% hanno registrato un aumento reale del 3,0% rispetto all'esercizio precedente. Gli shop online dei mercati specializzati sono cresciuti del 15,2%. Micasa e SportXX sono riusciti a conquistare quote di mercato.

Nell'andamento del fatturato dei singoli mercati specializzati (fatturati online inclusi) si sono registrate le seguenti variazioni percentuali rispetto all'esercizio precedente: melectronics -6,8% (reale +2,8%), SportXX +1,3% (reale +4,6%), Micasa -1,0% (reale +2,7%), Do it + Garden -0,4% (reale +2,7%) e Obi -3,5%.

All'estero i fatturati di Migros Francia sono aumentati del 12,8% attestandosi a 120,6 milioni di euro (in franchi svizzeri: -1,1%). Il Gruppo Tegut ha incrementato il proprio fatturato dell'1,1% che è così salito a 980,9 milioni di euro (in franchi svizzeri: -11,2%). Senza l'effetto valutario e l'impatto del rincaro si è registrata una crescita pari allo 0,7%.

Successo della gastronomia Migros
Con un fatturato pari a 683,9 milioni di franchi (+1,2%), la gastronomia Migros ha ottenuto un buon risultato commerciale. In forte crescita sono stati soprattutto la gastronomia collettiva (+19,1%) e il catering (+26,9%). Stabile invece il fatturato dei ristoranti Migros (+0,0%) e in leggero calo quello dei take away (-2,4%). Nel 2015 il numero dei ristoranti Migros si è attestato a 314 (esercizio precedente: 310).

Vistosa crescita del fatturato generato dai prodotti certificati
Il fatturato degli articoli prodotti in modo sostenibile è aumentato ancora una volta in maniera significativa. La clientela ha acquistato prodotti a valore aggiunto ecologico e/o sociale per un valore complessivo di 2,678 miliardi di franchi (+8,4%). Da evidenziare in modo particolare è l'assortimento bio, che comprende circa 1800 prodotti alimentari tra cui quelli Alnatura. Il fatturato registrato è stato di 681,1 milioni di franchi (+14,8%). I prodotti MSC e ASC provenienti da pesca e allevamenti ittici sostenibili hanno ottenuto un fatturato di 135,6 milioni di franchi (+46,3%). TerraSuisse, il marchio certificato maggiormente venduto per i prodotti agricoli sostenibili, ha fatturato 714 milioni di franchi (+6,5%). Anche i prodotti fairtrade Max Havelaar sono stati molto richiesti, registrando un fatturato di 113,8 milioni di franchi svizzeri (+7,7%).

Non ha dato segni di rallentamento la forte domanda di prodotti del marchio certificato regionale Dalla regione. Per la regione. Il volume del fatturato di questo assortimento che conta oltre 9000 prodotti si è attestato a 898,6 milioni di franchi (+3,2%).

Il marchio di qualità aha! contrassegna 120 prodotti nel settore alimentare e cosmetico, studiati appositamente per i clienti che soffrono di allergie e intolleranze alimentari. L'assortimento aha!, in costante ampliamento, ha generato complessivamente un fatturato pari a 70,9 milioni di franchi (+21,5%).

Il fatturato complessivo realizzato con i prodotti con marchi di certificazione relativi a sostenibilità, salute e provenienza regionale è stato di 3,648 miliardi di franchi (+7,3%).

Rete di supermercati Migros
A fine 2015 Migros annoverava una rete di 659 punti vendita, ossia undici in più rispetto all'esercizio precedente. Tre punti vendita hanno chiuso i battenti, i nuovi punti vendita sono diciassette, tre le ricostruzioni e due i punti vendita che hanno subito importanti ristrutturazioni o ampliamenti. La superficie di vendita dei supermercati, dei mercati specializzati e della gastronomia è aumentata complessivamente di 15'551 m2 passando a 1'377'633 m2 (+1,1%).

Scuola Club Migros
Lo scorso anno sono state più di 376'000 le persone che hanno frequentato i 600 diversi corsi e formazioni. Con 8'816'686 ore di frequenza ai 53'404 corsi e formazioni, la Scuola Club Migros si è affermata come il più grande istituto di formazione in Svizzera. Attualmente la Scuola Club Migros impiega 7500 docenti presso 50 sedi in Svizzera.

Generazione M

Benessere degli animali: dal 2015 gli insaccati di Beretta, un'azienda di lunga tradizione con sede in Italia settentrionale, e la carne di pollo fresca proveniente da Germania e Ungheria vengono prodotti secondo gli standard validi in Svizzera riguardanti il benessere degli animali. Entro il 2020 gli elevati standard svizzeri in questa materia dovranno essere applicati a tutti i prodotti provenienti dall'estero.

Olio di palma: a fine del 2015 Migros ha adempiuto la sua promessa sull'olio di palma. L'Industria Migros acquista circa il 98% dell'olio di palma per la produzione di prodotti alimentari da piantagioni certificate RSPO. La provenienza dell'olio di palma è così rintracciabile fino alla piantagione. Il restante 2% si riferisce a quantitativi minimi di semilavorati acquistati.

Migros Bio Cotton: a fine 2015 la quota di fatturato ascrivibile a questo marchio di certificazione nell'ambito dell'assortimento di prodotti tessili delle marche Migros era pari al 18,1%. Migros ha così raggiunto il suo obiettivo di raddoppiare rispetto al 2011 la quota di articoli tessili prodotti in modo sostenibile.

Gestione aziendale della salute: tutte e dieci le cooperative Migros e la Federazione delle Cooperative Migros (FCM) vantano un sistema coerente di gestione della salute aziendale (GSA) e a fine 2015 si potevano fregiare della certificazione "Friendly Work Space".

Ambiente: Migros si sta adoperando per raggiungere i suoi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra e del consumo elettrico e continua a promuovere le fonti rinnovabili di energia. Sui tetti degli edifici Migros sono già in funzione 88 impianti fotovoltaici, tra cui si annovera anche la centrale di energia solare più potente della Svizzera, ubicata sul tetto del centro di distribuzione Migros di Neuendorf. Nel commercio al dettaglio della Federazione, complessivamente Migros è riuscita a ridurre le emissioni di gas serra del 17% rispetto al 2010.

Commercio

Nel 2015, in uno dei contesti di mercato più difficili degli ultimi anni, il Dipartimento Commercio ha generato un fatturato di 7,3 miliardi di franchi (+3,5%). Al netto del massiccio crollo dei prezzi che ha interessato l'olio combustibile e l'olio minerale (Migrol), il fatturato è aumentato del 9,3% (vedere la tabella dettagliata del fatturato a pagina 10).

Denner
Denner ha difeso con successo la sua posizione di discount leader in Svizzera nonostante i difficili sviluppi del mercato, registrando un lieve calo del fatturato (-0,4%),  che scende quindi a 2,9 miliardi di franchi. La frequenza dei clienti è nuovamente aumentata soprattutto grazie alla ristrutturazione di altre 180 filiali. A fine 2015 Denner contava un totale di 797 punti vendita (satelliti inclusi). (Vedere anche il comunicato sul fatturato Denner del 14.1.2016)

Migrol
Come tutti gli operatori di stazioni di servizio e i commercianti di olio minerale, anche Migrol è stato colpito dal crollo dei prezzi dell'olio e ha registrato un calo nominale del fatturato pari a 262,8 milioni di franchi scendendo così a 1,360 miliardi di franchi
(-16,2%). In termini reali però, Migrol ha aumentato il proprio fatturato del 2,7% conquistando ancora quote di mercato.

Grandi Magazzini Globus
Nonostante il successo dell'integrazione di Schild e l'espansione sul mercato, i Grandi Magazzini Globus SA hanno registrato una riduzione del fatturato del 3,3%, che è quindi sceso a 928,7 milioni di franchi. Il risultato va ascritto al difficile contesto di mercato. In questa situazione si è resa necessaria una ristrutturazione che è stata eseguita nella seconda metà del 2015. Il fatturato dei Grandi Magazzini Globus si è attestato a 693,1 milioni di franchi (-3,3%), quello di Globus Uomo a 70,6 milioni di franchi (-5,1%) e quello di Schild a 165,0 milioni di franchi (-2,7%). Complessivamente, a fine anno Globus (Schild inclusa) contava 94 punti vendita. (Vedere anche il comunicato sul fatturato del Gruppo Globus del 19.1.2016)

Digitec Galaxus
Digitec Galaxus ha sfidato il difficile contesto di mercato Non Food ottenendo una crescita del fatturato a due cifre e raggiungendo quindi 696 milioni di franchi (498,9 milioni di franchi per il Gruppo Migros dal momento dell'integrazione totale). Digitec Galaxus ha così consolidato la sua posizione di leader di mercato nel commercio online (Vedere anche il comunicato sul fatturato di Digitec Galaxus del 13.1.2016).

Depot
Depot
ha proseguito sulla strada della crescita generando con i suoi 450 punti vendita e 19 nuove filiali-partner all'ingrosso un fatturato di 456,5 milioni di franchi. In euro Depot ha aumentato il suo fatturato del 12,0% che è così salito a 428,9 milioni di euro.

Migrolino
Migrolino ha continuato la dinamica tendenza alla crescita del biennio precedente. Il fatturato è cresciuto del 10,0% passando a 382,0 milioni di franchi. Il numero dei punti vendita è salito a 287 in seguito alla forte espansione in Ticino.

Interio
Nello scenario di un mercato globale in fase di contrazione, gli 11 punti vendita di Interio hanno registrato una calo del fatturato del 2,7% scendendo a 181,9 milioni di franchi. Incoraggiante è stata la solida crescita online pari al 32,9%.

Gruppo Office World (OWiba)
Il fatturato complessivo di OWiba si è attestato a 179,6 milioni di franchi, con un aumento dello 0,3% rispetto all'anno precedente.

LeShop.ch
Il supermercato online LeShop.ch ha generato una crescita del 6,6% che ha spinto il fatturato a 175,9 milioni di franchi. (Vedere anche il comunicato sul fatturato LeShop dell'1.1.2016)

Ex Libris
In un contesto di mercato ancora in deterioramento e deflazionistico, Ex Libris ha lottato con grosse modifiche strutturali. Nonostante le importanti conquiste di quote di mercato, l'impresa attiva nel campo dei media ha dovuto confrontarsi con una contrazione del fatturato del 5,4% in termini nominali che è così sceso a 121 milioni di franchi. Il vantaggio in online retailing e cross-channel retailing è stato però ulteriormente ampliato. Nel 2015 la quota del fatturato online ha già costituito più del 50% del fatturato complessivo. (Vedere anche il comunicato sul fatturato Ex Libris dell'1.1.2016)

Probikeshop
Probikeshop
, attività commerciale presente unicamente online, ha aumentato il suo fatturato del 46,1%, arrivando così a 56,8 milioni di euro.

M-way
Nel 2015 M-way ha continuato ad affermarsi come leader di mercato e centro di competenza per l'elettromobilità, conseguendo una crescita del fatturato del 53,0%. L'espansione si è conclusa con l'apertura della 29esima filiale.

Sharoo
Sharoo ha sviluppato la sua leadership innovativa in qualità di prima piattaforma in Svizzera per la condivisione di veicoli da privato a privato e ha avviato una collaborazione con Amag che ha assunto il ruolo di partner strategico e coinvestitore. La conquista del Price/Performance Value Leadership Award di Frost & Sullivan per la miglior idea di car sharing in Europa conferma il carattere innovativo e pionieristico del servizio offerto da Sharoo.

Industria Migros

L’abolizione del cambio minimo con l’euro e il conseguente apprezzamento del franco hanno comportato un notevole aumento della pressione sulla piazza industriale svizzera. L’Industria Migros ha percepito gli effetti della crescita del turismo degli acquisti e dell’atteggiamento prudente dei consumatori sul mercato svizzero. Nel 2015 ha realizzato un fatturato di 6,255 miliardi di franchi (esercizio precedente: 6,016 miliardi di franchi) crescendo del 4% in condizioni di mercato difficili. In termini reali la crescita è stata dello 0,8%.

Le attività con il Gruppo Migros hanno registrato un aumento del 2,1%, raggiungendo i 4,488 miliardi di franchi. Le attività con Denner, Migrolino e LeShop.ch hanno registrato uno sviluppo più che proporzionale. Soprattutto grazie agli assortimenti vari e interessanti dell’Industria Migros tutti i clienti all’interno del Gruppo Migros hanno potuto conquistare quote di mercato.

Le attività internazionali, che riuniscono esportazione e sedi estere, hanno realizzato una crescita dell’8,8% attestandosi a 681 milioni di franchi (esercizio precedente: 626 milioni di franchi). Le sedi estere hanno registrato un incremento in parte notevole nelle valute locali. Nonostante il franco svizzero forte le esportazioni si sono dimostrate solide. Al netto del cambio, l’export fa segnare una brillante avanzata pari al 6,3%. A stimolare la crescita sono stati in modo particolare il commercio di caffè in capsule e il settore caseario. Anche nell’ambito dei cosmetici si è registrato un rialzo.

Al netto del cambio e del rincaro, la maggior parte dei settori di attività ha segnato un incremento e i vantaggi dovuti al cambio (risparmi realizzati sugli acquisti) sono stati trasferiti ai clienti sotto forma di prezzi più convenienti. (Vedere anche il comunicato stampa dell'Industria Migros del 24.2.2016)

Viaggi

Il fatturato del Gruppo Hotelplan ha registrato un calo del 7,1%, situandosi a 1,305 miliardi di franchi (2014: 1,405 miliardi di franchi). Questo regresso va ascritto principalmente alle turbolenze monetarie, che hanno condotto a un abbassamento dei prezzi per i viaggi dalla Svizzera e a un calo del fatturato in franchi svizzeri delle società affiliate nell'Eurozona. In seguito allo shock del franco in gennaio, agli attentati terroristici in Nordafrica, ad altri eventi di natura geopolitica, all'ondata di profughi e alla torrida estate, il 2015 è stato un anno difficile per il Gruppo Hotelplan. (Vedere il rapporto annuale di Hotelplan «Kompass», pubblicato l'11.1.2016)

Banca Migros

Nell'esercizio 2015 Banca Migros ha confermato la tendenza degli scorsi anni. Nonostante la fase di tassi di interesse bassi, perdura l'afflusso di depositi di clienti e il volume dei crediti ipotecari continua a registrare un andamento positivo. Il totale di bilancio registrato è stato di 42,232 miliardi di franchi con ricavi operativi di 593,5 milioni di franchi. (Vedere anche il comunicato stampa di Banca Migros del 19.1.2016)

Per maggiori informazioni è possibile consultare il rapporto annuale 2015 online.

 

Fatturato 2015 in dettaglio

Settore

2015 in mio. CHF

2014 in mio. CHF

Variazione in mio. CHF

Variazione in %

Commercio al dettaglio delle cooperative

       

Cooperative Svizzera ed estero

15‘612.7

15‘910.2

-297.5

-1.9%

         

Commercio

       

Denner

2‘902.1

2‘912.9

-10.8

-0.4%

Migrol

1‘359.5

1‘622.3

-262.8

-16.2%

Grandi Magazzini Globus

928.7

960.6

-31.9

-3.3%

Digitec Galaxus

498.9

- - -

Gruppo Gries Deco (Depot)

456.5

464.3

-7.8

-1.7%

Migrolino

382.0 347.2 34.8

10.0%

Interio

181.9

187.0

-5.1

-2.7%

Gruppo Office World (OWiba)

179.6

179.1

0.5

0.3%

LeShop.ch

175.9

165.0

10.9

6.6%

Ex Libris

121.0

127.9

-6.9

-5.4%

Dolphin France (Probikeshop)

60.5

47.2

13.3

28.2%

Altre imprese / effetti del consolidamento

136.8

127.8

n.a. n.a.

 

       

Fatturato in dettaglio Svizzera ed estero

Al netto del rincaro e degli effetti valutari

22‘996.1

23‘051.5

-55.4

-0.2%

 

+3.4%