Navigazione

Migros. M per il Meglio.

Gruppo Migros 2015: solido sviluppo del fatturato - 15.01.2016 Gruppo Migros 2015: solido sviluppo del fatturato

Zurigo - Nel 2015 il Gruppo Migros, con un fatturato complessivo di 27,4 miliardi di franchi, ha registrato una crescita dello 0,1 per cento, conquistando nuovamente quote di mercato. Tenuto conto di un rincaro medio negativo del 2,7 per cento, il fatturato nel commercio al dettaglio è calato dello 0,2 per cento, situandosi a 23 miliardi di franchi. Al netto del cambio e del rincaro ciò ha generato una crescita del 3,5 per cento. Per quanto attiene alle dieci Cooperative, grazie a una frequenza di clienti in leggero aumento, il fatturato ha raggiunto i 15,6 miliardi di franchi. Il rincaro negativo sugli assortimenti Migros si è situato all'1,7 per cento. Al netto del cambio e del rincaro la crescita è stata dello 0,7 per cento.

cegr-migros-logo.jpg

Gruppo Migros 2015

La Svizzera si è appena lasciata alle spalle un anno non privo di ostacoli. Il franco forte e il turismo della spesa, nuovamente in crescita dell' 8% per un totale di 11 miliardi di franchi, nonché il rincaro negativo e la prudenza da parte dei consumatori hanno avuto forti ripercussioni sul mercato globale. Nonostante queste condizioni quadro sfavorevoli, Migros è riuscita ad acquisire quote di mercato e la frequenza dei clienti nel settore dei supermercati è cresciuta dello 0,6%.

Particolarmente soddisfacente è l'andamento nell'ambito dei prodotti sostenibili e di provenienza regionale, in cui è stato generato un fatturato di oltre 3,5 miliardi di franchi. L'assortimento Migros Bio/Alnatura ha registrato addirittura una crescita del 14,8%. Nel commercio online il fatturato è aumentato in termini nominali del 47,4% (del 9% se considerato al netto delle acquisizioni, del rincaro e del cambio). Migros rimane dunque leader incontrastato del mercato sia nel settore dei prodotti fabbricati con impegno sociale ed ecologico sia in quello del commercio online.

«Il solido sviluppo del fatturato dimostra che siamo stati in grado di rafforzare nuovamente la fiducia della nostra clientela. Evidentemente con il nostro impegno sociale ed ecologico, le numerose innovazioni apportate ai prodotti e i nuovi servizi, i piccoli omaggi ai clienti nonché le varie offerte online abbiamo saputo trovare le giuste risposte alle difficili sfide che si sono presentate», dichiara soddisfatto Herbert Bolliger, presidente della Direzione generale della Federazione delle cooperative Migros (FCM).

Fatturato consolidato
Nel 2015 l'utile complessivo del Gruppo Migros ha registrato un incremento di 16,6 milioni di franchi (+0,1%), attestandosi a 27,391 miliardi (esercizio precedente: CHF 27,375 mia.). Il risultato è stato pesantemente influenzato dal forte rincaro negativo, in parte inaspettato, nei singoli settori commerciali (benzina, olio combustibile, viaggi, elettronica, ecc.) e da un effetto valutario pari a -1%. Tali fattori hanno determinato una riduzione del fatturato di oltre 1 miliardo di franchi.

Fatturato nel commercio al dettaglio
Nel 2015 il fatturato complessivo nel commercio al dettaglio in Svizzera e all'estero (al netto dell'IVA) si è attestato a 23,013 miliardi di franchi (esercizio precedente: CHF 23,052 mia.), registrando un lieve calo dello 0,2%. Il rincaro negativo medio è stato del 2,7% e l'effetto valutario ha influenzato negativamente il risultato. La crescita registrata al netto del cambio e del rincaro è del 3,5%.

Le cifre del fatturato nel commercio al dettaglio si compongono come segue: fatturato delle cooperative in Svizzera e all'estero CHF 15,613 mia. (-1,9%), Denner CHF 2,903 mia. (-0,3%), Globus incl. Schild CHF 928,7 mio. (-3,3%), Interio CHF 181,9 mio. (-2,7%), Depot CHF 456,4 mio. (-1,7%), Migrolino CHF 381,9 mio. (+10,0%), Gruppo Office World (Owiba) CHF 179,6 mio. (+0,3 %), Migrol CHF 1,357 mia. (-16,3%), Ex Libris CHF 121.0 mio. (-5,4%), LeShop.ch CHF 175,9 mio. (+6,6%), Digitec Galaxus CHF 498,9 mio. (integrazione completa dall'1.4.2015) e il risultato di altre imprese.

Il fatturato nel commercio al dettaglio all'estero ingloba il fatturato di Migros Francia, del Gruppo Tegut, del Gruppo Gries Deco Germania e Austria e di Probikeshop. Rispetto al precedente esercizio, si registra un incremento del fatturato in euro del 5,9%, mentre in franchi svizzeri il fatturato nominale si situa a 1,690 miliardi di franchi, segnando un calo di CHF 127,3 milioni di franchi (-7,0%).

Commercio al dettaglio delle cooperative
Nel 2015 il fatturato netto delle cooperative, comprese quelle all'estero, si è attestato a 15,613 miliardi di franchi (-1,9%). In questo settore l'effetto valutario negativo è pari a 159,5 milioni di franchi (-1%). All'estero il fatturato di Migros Francia è cresciuto del 12,8%, raggiungendo i 120,6 milioni di euro (in franchi svizzeri -1,1%), e quello di Tegut dell'1,1%, situandosi a 980,9 milioni di euro (in franchi svizzeri -11,2%). Senza l'effetto valutario e i contraccolpi del rincaro negativo si registra una crescita pari allo 0,7%. La clientela ha potuto beneficiare di riduzioni di prezzo per oltre 200 milioni di franchi.

Frequenza di acquisti stabile nei supermercati
In un contesto di mercato difficile, caratterizzato da un nuovo aumento degli acquisti nei Paesi esteri limitrofi pari all' 8%, i supermercati in Svizzera hanno fatto registrare un fatturato di CHF 11,670 miliardi di franchi, segnando un calo dell'1,3%. Tenuto conto di un rincaro negativo medio sull'assortimento Migros pari all'1,3%, le dieci Cooperative sono dunque state in grado di mantenere il loro fatturato in termini reali. Con 343,7 milioni di scontrini di cassa, la frequenza dei clienti è aumentata dello 0,6%.

Nel 2015 i mercati specializzati Micasa, SportXX, Melectronics, Do it + Garden e OBI hanno realizzato un fatturato di 1,622 miliardi di franchi (-3,0%). Al netto del rincaro negativo del 6% i cinque mercati specializzati sono cresciuti in termini reali dello 3.0%. Particolarmente positivo è l'andamento del fatturato degli shop online dei mercati specializzati, che anche nel 2015 hanno realizzato un incremento del 15,2%.

Crescita costante dei prodotti sostenibili e di provenienza regionale
Nel 2015 Migros ha aumentato in modo significativo il fatturato dei suoi prodotti sostenibili. La clientela ha acquistato prodotti a valore aggiunto ecologico e sociale per un valore complessivo di 2,678 miliardi di franchi (+8,4%). Vanno evidenziati in particolare i risultati ottenuti dall'assortimento Migros Bio/Alnatura, con un incremento del 14,8% rispetto all'esercizio precedente, del pesce sostenibile certificato MSC e ASC (+46,3%) e del programma di sostenibilità TerraSuisse per un'agricoltura in sintonia con la natura e rispettosa degli animali (+6,5%). Non si arresta inoltre la domanda di prodotti «Dalla regione. Per la regione»/«I nostrani del Ticino», come dimostra il fatturato di oltre 880 milioni di franchi realizzato in questo assortimento tipico di Migros.

Innovazioni vincenti
Anche nel 2015 Migros si è distinta per le numerose innovazioni e novità. I prodotti Fruit Ice, il primo gelato al mondo composto al 100% di frutta, Happy bread, il primo pane fresco a lunga conservazione senza conservanti e l'innovativa linea trattante high tech Zoé Lift del programma Migros «Noi firmiamo. Noi garantiamo.» sono tra le innovazioni di maggior successo.

L'ulteriore sviluppo dell'app Migros ha permesso a 1,2 milioni di clienti, a partire dal mese di agosto, di pagare senza contanti con lo smartphone in tutti i supermercati, nei mercati specializzati e nei punti gastronomici Migros. Con il successo del lancio di PickMup, il pratico servizio di ritiro per le ordinazioni online, Migros dà prova delle sue competenze negli ambiti online/cross channel.

Crescita dell'1,2% nella gastronomia
Con un fatturato di 683,2 milioni di franchi il settore gastronomia segna un risultato positivo. In forte crescita sono stati soprattutto la gastronomia collettiva (+19,1%) e il catering (+26,9%). Stabile invece il fatturato dei ristoranti Migros (+0,0%) e in leggero calo quello dei take away (-2,4%). Da quest'anno la carne di pollo, di vitello, di manzo e di maiale distribuita nel settore Gastronomia è esclusivamente di produzione svizzera.

Potenziamento della rete di filiali e incremento delle superfici dei negozi
A fine 2015 Migros annoverava una rete di 659 punti vendita, ossia 11 in più rispetto all'esercizio precedente. 3 punti vendita hanno chiuso i battenti, i nuovi punti vendita sono 17, 3 le ricostruzioni e 2 i punti vendita che hanno subito importanti ristrutturazioni o ampliamenti. La superficie di vendita dei supermercati e ipermercati, dei mercati specializzati e della gastronomia è aumentata complessivamente di 15'551 m2  passando a 1'377'633 m2 (+ 1,1%).

6,1 milioni di franchi a favore dei bambini bisognosi in Svizzera
Con l'iniziativa natalizia «Donare insieme» il 2015 si è concluso con un forte segnale di solidarietà e di fiducia. I clienti di Migros hanno donato più di 5,1 milioni di franchi per i bambini bisognosi in Svizzera, acquistando oltre 500'000 cuori di cioccolato. Migros ha aumentato di un ulteriore milione di franchi l'importo donato. La somma è stata interamente devoluta alle organizzazioni di pubblica utilità Caritas Svizzera, Soccorso svizzero d’inverno, HEKS e Pro Juventute.

Commercio
Denner: Denner ha mantenuto pressoché invariato il fatturato dell'esercizio precedente. Il fatturato netto è diminuito di 10,1 milioni di franchi, attestandosi a 2,903 miliardi, il che corrisponde a un calo dello 0,3%. Denner conta attualmente 797 punti vendita. Nel 2015 le inaugurazioni di nuove sedi sono state 32, le chiusure 32. (Vedi comunicato stampa distinto di Denner del 14 gennaio 2016)

Grandi magazzini Globus, inclusa Schild: i grandi magazzini Globus SA (Globus, Globus Uomo e Schild) hanno realizzato un fatturato netto di 928,7 milioni di franchi (-3,3%). Il fatturato dei grandi magazzini Globus ammonta a 693,1 milioni di franchi (-3,3%), quello di Globus Uomo a 70,6 milioni di franchi (-5,1%) e quello di Schild a 165 milioni di franchi (-2,7%). (Il 19 gennaio 2016 seguirà un comunicato stampa distinto)

Migrol: il prezzo del greggio ancora in forte calo e la riduzione delle vendite di carburante nelle regioni di confine dovuta al franco forte hanno avuto un impatto negativo sul fatturato. Quest'ultimo è infatti diminuito del 16,3%, situandosi a 1,357 miliardi di franchi. Tenuto conto del rincaro negativo ponderato pari a -18,5%, risulta una crescita reale del 2,7%.

Migrolino: nel trascorso esercizio Migrolino ha inaugurato 33 nuovi negozi portando la sua rete a 287 punti vendita. Il fatturato ha registrato un incremento di 34,7 milioni di franchi e si attesta a 381,9 milioni (+10.0%).

Depot: la catena Depot (Gries Deco Company Estero e Svizzera) ha generato un fatturato di 428,8 milioni di euro, segnando un incremento del 12% rispetto all'esercizio precedente.  Tenuto conto dell'effetto valutario negativo si ottiene un calo del fatturato in franchi svizzeri pari a -1,7% rispetto all'anno precedente. 

LeShop.ch: nel trascorso esercizio LeShop.ch ha venduto prodotti per 175,9 milioni di franchi, superando di 10,9 milioni il risultato dell'esercizio precedente (+6,6%). LeShop.ch rimane di gran lunga il maggior commercio di alimentari online di tutta la Svizzera. (Vedi comunicato stampa distinto di LeShop del 4 gennaio 2016)

Probikeshop.fr: il leader del mercato francese nel settore del commercio online di accessori per ciclisti ha realizzato un incremento del fatturato del 46,1%, incassando 56,8 milioni di euro (in franchi svizzeri ciò corrisponde a un incremento del 27,8% per un totale di 60,3 milioni).

Commercio online
Nel settore del commercio online Migros ha ulteriormente rafforzato il proprio incontrastato ruolo di capofila del mercato. Il fatturato complessivo del settore, compreso Digitec Galaxus, si è attestato in termini nominali a 1,601 miliardi di franchi (+47,4%). Tralasciando gli effetti delle acquisizioni, del rincaro e della valuta, il fatturato del commercio online è stato pari a 1,151 miliardi di franchi (+9%), di cui 939,1 milioni (+10,3%) nel commercio al dettaglio online.

I principali protagonisti di questa avanzata sono Digitec Galaxus, le attività online di Saviva, LeShop.ch, il Gruppo Office World, Probikeshop, il commercio online di Ex Libris nonché i mercati specializzati Migros.

Industria
L'Industria Migros ha realizzato un'ulteriore espansione sul mercato indigeno ed estero. Il fatturato si è attestato a 6,261 miliardi di franchi (esercizio precedente: CHF 6,016 mia.) e supera dunque del 4,1% le cifre dell'esercizio precedente. Il fatturato comprende anche la Rudolf Schär SA, il gruppo Lüchinger + Schmid e la Quantum Beauty Company. (Il 24 febbraio 2016 seguirà un comunicato stampa distinto)

Gruppo Hotelplan
Il fatturato del Gruppo Hotelplan ha registrato un calo del 7,1%, situandosi a 1,305 miliardi di franchi (2014: CHF 1,405 mia.). Questo regresso va ascritto principalmente alle turbolenze monetarie, che hanno condotto a un abbassamento dei prezzi per i viaggi dalla Svizzera e a un calo del fatturato in franchi svizzeri delle società affiliate nell'Eurozona. In seguito allo shock del franco in gennaio, agli attentati terroristici in Nordafrica, ad altri eventi di natura geopolitica, all'ondata di profughi e alla torrida estate il 2015 è stato un anno difficile per il Gruppo Hotelplan. (Vedi rapporto annuale di Hotelplan «Kompass», pubblicato l'11 gennaio 2016)

Banca Migros
Nell'esercizio 2015 Banca Migros ha confermato la tendenza degli scorsi anni. Nonostante la fase di tassi di interesse bassi perdura l'afflusso di depositi di clienti e il volume dei crediti ipotecari continua a registrare un andamento positivo. Banca Migros presenterà nei particolari il suo bilancio d'esercizio in occasione della conferenza stampa prevista a tal fine a Zurigo martedì 19 gennaio 2016.

La corrispondente conferenza stampa della Federazione delle Cooperative Migros (FCM) si terrà a Zurigo mercoledì 13 aprile 2016.